Primary tabs

Le semplificazioni sulla politica della “rilevanza cattolica” di Ruini

Dg, 13/01/2013 per

Nel suo studio in cima al colle Vaticano, oltre le mura leonine, sede del seminario minore di Roma, al cardinale Camillo Ruini hanno mostrato gli articoli di giornale che ne parlano come colui che ha spinto per staccare la spina dell’appoggio del mondo cattolico a Mario Monti. Ha letto e ha sorriso di gusto: “Non c’è nulla di più falso”. “Come falso – spiega il vaticanista Sandro Magister – è il profilo di un Ruini che, filoberlusconiano un tempo, lo è ancora oggi”.

Llegeix +

Elezioni 2013, la grande fuga dei cattolici dai valori non negoziabili

Dg, 13/01/2013 per

Dice Natale Forlani, ex portavoce, che alla fine il raduno di Todi “è servita solo a far candidare qualcuno nella lista Monti, un po’ poco”. Una semi verità perché in realtà, inconsapevolmente, Todi è servita anche ad altro. A far sì che oggi, di fatto, i cattolici siano più dispersi di prima e soprattutto siano senza dimora politica quei “valori non negoziabili” di ratzingeriano imprimatur. Dopo il raffreddamento con la “casa” berlusconiana, i cattolici hanno puntato sul rassemblement nato intorno a Monti, che li definisce valori “importanti”.

Llegeix +

Il mistero del passo indietro di Riccardi, il cattolico che non si candida

Dij, 10/01/2013 per

Perché Andrea Riccardi, fondatore di Sant’Egidio e storico della chiesa prestato al governo tecnico, non si candida con Mario Monti? Perché dopo aver lanciato lo scorso novembre, sul palco del teatro De Paolis a Roma, il gran rassemblement di centro insieme a Luca Cordero di Montezemolo, ad Andrea Olivero allora ancora presidente delle Acli, al presidente della provincia di Trento Lorenzo Dellai e al segretario della Cisl Raffaele Bonanni, si è chiamato fuori?

Llegeix +

Monti? E’ negoziabile. I cattolici e il Vaticano nel caos elettorale. I valori (e le liste). Critiche dalla Cei. Riccardi non si candida, Acli divise

Dm, 8/01/2013 per

Dopo l’endorsement il diluvio, non quello universale ma quasi. C’è maretta nel mondo cattolico dopo che l’Osservatore Romano prima, Avvenire poi – e due giorni fa sul Corriere della Sera il direttore Marco Tarquinio ha confermato che “Monti ha la stima della chiesa” – si erano schierati, con pochi se e pochi ma, per Mario Monti.

Llegeix +

Montididio. Il potere forte di suo sarebbe massonico. Monti è cattolico liberale, diviso tra rigore gesuitico e spiritualità giansenista. Le affinità bavaresi con B-XVI, che lo ama

Dll, 7/01/2013 per

Prima della Bocconi e della specializzazione a Yale sotto la guida del premio Nobel James Tobin (l’economista americano della “Tobin tax”, lascito del governo uscente) e prima ancora del Leone XIII, sezione B, il prestigioso liceo milanese dei gesuiti, ci sono i luoghi delle sue origini, la Città Giardino altrimenti detta Varese.

Llegeix +

La Chiesa dopo Vatileaks: più potere a padre Georg

Dg, 6/01/2013 per

Ha trascorso gli ultimi giorni in ritiro, all’interno del Vaticano. Niente lavoro, dispacci da sbrigare, lettere a cui rispondere. Piuttosto diverse ore dedicate alla preghiera, al silenzio, e a ringraziare Dio.

Nei suoi pensieri, probabilmente, anche la riconoscenza per Benedetto XVI che dopo il caso Vatileaks – il furto di documenti riservati dall’appartamento nel Papa da parte dell’allora maggiordomo Paolo Gabriele – ha voluto tenere distante dalle sue stanze diverse persone ma non lui, il fedele segretario particolare Georg Gänswein.

Llegeix +

Ora la Chiesa fa retromarcia: “Non siamo schierati col Prof”

Dij, 3/01/2013 per

Dopo l’endorsement i distinguo, o meglio la chiamata alla cautela. Non è piaciuto a tutti, entro la Chiesa cattolica, l’uscita dell’Osservatore Romano in favore di Mario Monti.

Llegeix +

Il Vaticano vota Monti, ma i cattolici lo vogliono alternativo a Bersani. Movimenti e forum si aspettano un Prof. ratzingeriano e più vicino al Ppe: “Mai con Vendola e la Cgil”

Dv, 28/12/2012 per

L’endorsement dell’Osservatore Romano per Monti “che vuole recuperare il senso più alto e più nobile della politica” dice che oltre il Tevere sono arrivate garanzie precise.

L’azione futura di Mario Monti non romperà sui princìpi cosiddetti “non negoziabili” (vita, famiglia ed educazione) e insieme non andrà a intaccare quanto acquisito dai patti lateranensi.

Llegeix +

Chi è il pm voluto da B-XVI nella lotta contro i preti pedofili. Il nuovo promotore di giustizia nominato dal Papa è Robert Oliver, il sacerdote che svelò il marcio nella diocesi di Boston

Dij, 27/12/2012 per

Quando nel maggio del 2010 due cardinali di peso, l’austriaco domenicano Christoph Schönborn arcivescovo di Vienna e l’americano cappuccino Sean O’Malley arcivescovo di Boston, picchiarono duro contro l’ex segretario di stato vaticano Angelo Sodano accusandolo (il primo con dichiarazioni diffuse il 4 maggio dall’agenzia Kathpress, il secondo con un’intervista del 14 maggio uscita sul National catholic reporter) di aver ostacolato l’opera di pulizia intrapresa dall’allora cardinale Joseph Ratzinger nei confronti di Hans Hermann Gröer, ex arcivescovo di Vienna, e di Marcial Maciel Degollado,

Llegeix +

Passetti del Vaticano sulla difficile strada della trasparenza dei conti

Dv, 21/12/2012 per

Non c’è soltanto la necessità di ridurre le spese del Vaticano dietro il testo del nuovo regolamento della prefettura degli Affari economici presentato ieri dal cardinale Tarcisio Bertone, segretario di stato, ai capi dicastero della curia romana.

Llegeix +

Pàgines

Subscribe to