Primary tabs

Cardinale George Cottier: «Più preghiera, meno intrighi. Benedetto XVI ci invita alla penitenza»

Dc, 27/02/2013 per

George Cottier, domenicano, cardinale svizzero e teologo emerito della Casa Pontificia, ha trascorso una vita oltre il Tevere, a leggere e correggere da un punto di vista dottrinale i testi ufficiali redatti da Giovani Paolo II prima, da Benedetto XVI dopo.

Llegeix +

“Dossier segreto, i cardinali vogliono la verità. Così lo scandalo Vatileaks entrerà in Conclave”

Dg, 24/02/2013 per

Dal 1983 al 1985 è stato vice direttore dell’Osservatore Romano. Ma con Giovanni Paolo II è rimasto in ottimi rapporti tanto che con lui ha scritto “Dono e Mistero” (1996) e con il suo segretario, oggi cardinale, Stanislaw Dziwisz “Una vita con Karol” (2007). Gianfranco Svidercoschi, recente autore di due libri molto discussi – “Mal di chiesa” e “Il ritorno dei chierici” – com’è oggi il Vaticano?

Llegeix +

Cardinali in clausura subito dopo l’arrivo la mossa della Curia per evitare sorprese

Dv, 22/02/2013 per

Il centralino della Domus Sanctae Marthae, l’edificio che durante il conclave ospiterà i cardinali elettori, suona in queste ore ripetutamente.

Fra le 117 eminenze che entreranno in Sistina, infatti, si è diffusa la notizia che già dal primo marzo le stanze della Domus potranno essere occupate e tutti si stanno organizzando per quello che suona come una sorta di “extra omnes” anticipato.

Llegeix +

Il monsignore anti-pedofili: non crocifiggete Mahony

Dij, 21/02/2013 per

Nessuno meglio di monsignor Charles Scicluna conosce i dossier segreti del Vaticano sui cosiddetti “delicta graviora”. Si tratta di crimini contro l’eucaristia, la santità del sacramento della penitenza, contro il sesto comandamento e cioè “gli atti impuri” commessi da un prete con un minore.

Llegeix +

L’aria pulita di Seán Patrick O’Malley, il cappuccino d’America

Dll, 18/02/2013 per

Se negli ultimi anni all’interno della curia romana è cresciuto il numero dei presuli salesiani grazie al fatto che salesiano è il cardinale segretario di stato Tarcisio Bertone, è altrettanto indubitabile che accanto a loro a scalare i gradini delle gerarchie, almeno in continenti importanti come è il nord America, è un ordine che, come scrive il National Catholic Reporter, “non ti aspetteresti nei posti di comando”, quello dei frati minori cappuccini.

Llegeix +

Odilo Pedro Scherer, brasiliano un po’ tedesco, no pauperista

Dg, 17/02/2013 per

La grande incognita di questo Conclave sono i latino-americani. Nel 2005 espressero un candidato di peso, il gesuita argentino Jorge Mario Bergoglio, arcivescovo di Buenos Aires. Su di lui vennero convogliati i voti dei progressisti dopo che l’ipotesi di Carlo Maria Martini era tramontata. Ma fu anche a motivo di questa preferenza accordatagli dall’ala “sinistra” del collegio cardinalizio che l’elezione sfumò: i conservatori si allearono e puntarono su Ratzinger, portandolo in poche sessioni all’elezione.

Llegeix +

Di un paese lontanissimo. Luis Antonio Tagle, un Wojtyla delle Filippine per rilanciare la chiesa

Dij, 14/02/2013 per

Dice il vaticanista americano John Allen che se il pontificato di Benedetto XVI fosse finito “naturalmente” sarebbe stato meno probabile un Conclave rivoluzionario.

Mentre la rottura della consuetudine voluta da Joseph Ratzinger con le dimissioni potrebbe spingere i cardinali a osare, a decidersi per candidati “che portino la chiesa ad abbracciare un nuovo inizio”.

A ben vedere sono molte le affinità con il secondo Conclave del 1978, quello che portò a sparigliare le carte e all’elezione dopo 445 anni di un Pontefice non italiano.

Llegeix +

Le ultime mosse di Benedetto. L’enciclica sulla fede resta nel cassetto (come pure lo spinoso dossier)

Dc, 13/02/2013 per

Aria dimessa ieri a Palazzo Borromeo, sede dell’ambasciata d’Italia presso la Santa Sede dove ventiquattro ore dopo l’annuncio della rinuncia di Benedetto XVI al papato si sono ritrovate le principali cariche dello stato e del Vaticano per il tradizionale anniversario dei Patti lateranensi.

Mancava sostanzialmente solo il Papa, che però prima di dimettersi incontrerà ancora una volta in udienza privata il presidente Giorgio Napolitano.

Llegeix +

Il futuro di un Papa. Gli ultimi quindici giorni di regno, l’attesa del successore. Le Ceneri in San Pietro, le incognite sul ruolo futuro, il monito di Ruini

Dm, 12/02/2013 per

Ieri mattina Benedetto XVI era “concentrato” e “deciso” – ha detto il portavoce Federico Lombardi – quando davanti ai cardinali riuniti per il concistoro ha annunciato la volontà di lasciare il pontificato.

Llegeix +

Le dimissioni del Papa. Un precedente importante per i suoi successori

Dll, 11/02/2013 per

Il mio intervento audio sul Foglio, solo qui.

Llegeix +

Pàgines

Subscribe to